venerdì 23 giugno 2017

Voto Paola Malcangio e non Zac. Ecco perchè.

Domenica 25 giugno al ballottaggio per il nuovo Sindaco di Cernusco voto Paola Malcangio e non l'amico Zac.
Perchè condurre una città è prima di tutto una questione di capacità e di competenze e non un voto sull' amicizia o sulla fede. 
Perchè Paola è persona capace e lo sappiamo tutti, compresi coloro che non la votano ma lo ammettono. 
Perchè Paola ha avuto il coraggio di mettersi in gioco nonostante l'ombra pesante del marito che rischia di minarne l'indipendenza anche se cosi non è. Anzi, come si dice nelle coppie, quella in gamba è lei!
Perchè siamo stanchi dei veti incrociati dei Frigerio, dei  Colombo, dei Cassamagnaghi e degli uomini che rispondono al Carosello.
E Gianluigi  contro Paolo, e Angelo contro  Gianluigi, e Daniele contro Paolo,  e Paolo contro Gianstefano;   e che palle!!! 

Ho deciso di scrivere un post semplice semplice sul mio voto mentre rimando ai precedenti comunicati le ragioni politiche.  Qui e Qui. 

Dove Ermanno ha governato come Assessore ben dal 2010, ha fallito. I centri sportivi sono rimasti  tutti da ristrutturare e l'unico che funziona , l' Enjoy, lo ha fatto l'assessore che lui ha fatto buttar fuori dalla giunta con Comincini,  Maurizio Rosci. Insomma in sette  anni non ha mosso un dito sulle strutture comunali se non per  rifare la pista di atletica, da poco rifatta,  del presidente della Consulta dello sport Roberto Ambrosoni nonchè candidato nelle liste di Vivere Cernusco. 
Io stesso sono rimasto deluso dalle sue promesse quando ho fondato nel 2013 su sua richiesta il Football Club Cernusco dopo che lui è riuscito a chiudere 42 anni di storia dell'AC Cernusco. Il campo in sintetico è rimasto un sogno e in cambio abbiamo il più brutto campo di calcio della martesana. 

L'ecuosacco non ha saputo tener conto degli ultimi, ossia degli anziani con pannoloni e dei giovani genitori con quelli dei loro piccoli in cui d'estate crescono anche i vermi per la mancanza di un doppio giro di ritiro come in altri comuni con la stessa esigenza, nonostante i suoi proclami di una politica che non lascia indietro nessuno. Si! ma solo a parole.  L'Ecusosacco meritava un tempo di prova come a Segrate ma l'impegno con il partito  di entrare velocemente contro ogni logica ha fatto bruciare le tappe creando una gran confusione. Ora rimaniamo in Cem solo per portare Paolo Della Cagnoletta, il tutore con Comincini del pd cernuschese,  alla sua presidenza. Perchè nel partito non cade foglia che Della Cagnoletta non voglia. Tutti gli altri bravi gregari. 

Il raddoppio del centro commerciale  Carosello su un parco comunale , anche se lui non ci ha mai creduto,  solo per compiacenza al sindaco Comincini e all'assessore Marchetti rimane una gran stupidata che regala qualche milione di euro al solito imprenditore  per lo scambio di un terreno agricolo che rimarrà per sempre verde anche senza compensazione e annuncia la fine della politica ambientale di vivere cernusco e il fallimento della politica del centro sinistra  sul rilancio del commercio locale. 

Sull'innovazione, sempre suo l'assessorato dal 2010, siamo il comune più brocco, con un sito inguardabile, le linee del comune ancora in rtg e isdn, mentre il voip ,  il digitale e la fibra in comune non sanno nemmeno cosa sia.  Anche  la sua associazione Cernusco 2032 , citta dell'innovazione ( boh!!) ha chiuso i battenti e di start up non ne ha creato nemmeno uno a meno di sperperare  28.000 euro circa per promuovere un raviolo che non è mai esistito. 
Zacchetti dove ha governato come Assessore ha spiccato negli incontri per silenzio e meditazioni degne di un trappista.  

Lascia un lavoro da 100.000 euro annui per prenderne 35.000  manco fosse un francescano a meno che mettersi in aspettativa non lo metta al riparo da eventuali ristrutturazioni  aziendali.

Se vincesse governerebbe con quattro volponi di vivere cernusco e la fronda interna capitanata dal'ex assessore Rosci con tre consiglieri a cui contrappone quattro bravi ragazzi dell'oratorio con mamme catechiste e una promessa di incarico all'ex capogruppo di Forza italia Frigerio. Auguri!!

Ermanno ha un programma che è una lista della spesa senza un progetto preciso  a differenza di quello di Paola che è fin troppo ambizioso per rilanciare Cernusco con un progetto veramente innovativo. 

Lo dissi subito quando Zac divenne assessore  nel 2010 che in politica, quando si parla del bene pubblico, l'amicizia deve rispettare le competenze e le abilità. Lo dissi con queste parole : "Considerando la politica amministrativa non una partita tra amici ma un servizio a tutta la città e ai suoi cittadini, non posso non ricordare che nella vita pubblica da un amico non ci si può aspettare ne favori ne vie preferenziali, piuttosto il contrario. "

A livello personale sarebbe stato per me più facile un rapporto con Zac ma qui si parla di gestire il bene pubblico e la nostra città. Ecco perchè ritengo Paola più adeguata e preparata. 
Avrei potuto stare zitto per convenienza ma la convenienza e il consenso non sono il mio forte ; lo sono la sincerità e il saper dare ragione delle cose che dico e che faccio anche quando sono scomode. Mi piace il confronto e la critica che rimarranno insieme alla mie proposte sulla città e sul  bene comune il mio futuro stile di consigliere e di cittadino. 

Insomma Zac è un amico a cui darei la vita ma non le chiavi della mia città. Oggi a Paola si. 

Buon voto.

garga


p.s del 25 giugno su Ecuosacco.
Fioccano le MULTE ECUOSACCO sui cittadini da parte dell'Assessore , multe da contestare in quanto eseguite non in flagranza di reato ma postume. Sappiamo bene che chiunque possa aprire un sacco dopo essere stato depositato correttamente dal cittadino e metterci rifiuti non conformi oppure prendere un sacco e spostarlo in una zona multabile. Problema già posto nell'assemblea cittadina alla filanda da Filippo Coppola ( ricordi?!).
Come sempre il nostro assessore si mostra forte con i deboli( i cittadini multati scorrettamente ) e debole con i forti ( il dirigente Acquati inadempiente) che non consegna ai consiglieri comunali i dati dei suoi controlli a Cem nel silenzio tombale dell'assessore che non garantisce il diritto ai consiglieri comunali di avere la documentazione dei controlli effettuati dagli uffici comunali a cem.( saranno mai stati eseguiti come si deve la trentina di controlli annunciati dal dirigente?! altrimenti perchè negarli?! il dubbio è lecito!!) Altro che politica in difesa degli ultimi dell'assessore. Questa è vessazione bella e buona se aggiungiamo anche la condizione in cui l'Assessore e Cem lasciano gli anziani e le giovani famiglie con neonati con i pannoloni e i pannolini per 6 gg. nelle proprie case ( pare che a qualcuno facciano un favore personale a ritiraglielo......e agli altri?! ) . Anche su cem e ecuosacco assessore bocciato e Cem da rimandare a casa propria.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Sei un grande Garga!!!!! La tua fan nr 1

Valentino Rocchi ha detto...

Analisi semplice e diretta.. non fa una grinza e descrive sinteticamente le capacità ed il trascorso del candidato sindaco.. anch'io l'ho conosciuto personalmente ed ho parlato una mezz'oretta è una persona umile e preparata però forse non ha quelle capacità decisionali e l'imprinting caratteriale che è necessario per condurre una città di oltre 20.000 abitanti. ad ogni modo per quanto riguarda il PD sono d'accordo con te.. è una giunta ormai al capolinea che ha poca o nulla motivazione se non quella di mantenere le poltrone e di scambiarsele.. comunque gli incarichi ed i programmi non li vedo in un buon futuro con questa politica e spero davvero nel cambiamento.. grande Gargantini

Lasciami un tuo segno. Grazie

Grazie per i commenti lasciati. Vi chiedo una cortesia, lasciate la vostra firma, un riferimento, almeno il nome, magari la mail. La vita non è solo questione di merito e di metodo, ma anche e soprattutto una questione personale. Le cose che si dicono, come si dicono, acquistano sapore se riferite a un volto, a un nome.Ciao Claudio.



mail claudiogargantini@alice.it

cell. 335.6920669

fax 06.418.69.267