domenica 21 maggio 2017

Olivia Mabellini sull'emergenza profughi

Ecco le risposte della nostra candidata Sindaco Olivia Mabellini  alle domande della Gazzetta della Martesana sulla questione accoglienza di profughi. 

Posizione quella espressa dalla dott.ssa Mabellini che condivido pienamente cosciente  delle difficoltà ma altrettanto consapevole  che questa sfida racchiude in sé un' opportunità di crescita umana e sociale. 


Cernusco è da sempre una città con una profonda cultura della solidarietà . L’accordo tra comuni e prefettura ci chiama ad affrontare una nuova  sfida.  Comprendiamo la gravità della situazione e  non vogliamo nasconderci.

Per prima cosa occorre verificare i termini dell’accordo affinché ci siano tutte le condizioni perché l’accoglienza non si trasformi in un ghetto o in una discriminazione.
Poi occorre verificare sul territorio quali siano le  strutture adeguate per l’ospitalità.
Determinante poi sarà vigilare affinché  l’ accoglienza non dia spazio a situazioni di degrado e illegalità.
In questo senso sapremo essere determinati e agire, insieme alle forze dell’ordine,  per bloccare ogni deriva e verificare che tutto si svolga dentro una cultura della legalità.
Bisogna  verificare bene anche quali saranno le risorse economiche che lo stato mette in campo  e comprendere con i cittadini e con la Consulta del Sociale quale è il sentore  della gente affinché l’accoglienza sia un occasione di crescita per la nostra comunità. Occorre istituire immediatamente un tavolo   con tutte le realtà associative , la Caritas,  le parrocchie e gli uffici competenti  per impostare quei percorsi che possano trasformare l’accoglienza in un occasione di crescita   per la nostra comunità
Nel nostro programma si parla spesso di riscatto sociale per coloro che sono in situazioni di difficoltà, poveri, padri separati senza casa e a volte senza lavoro, disabili non autosufficienti e anziani soli. Cernusco sul naviglio da sempre ha saputo sostenere i più bisognosi. I profughi sono i nuovi bisognosi della società globalizzata.
Siamo certi  che queste nuove emergenze non distoglieranno la nostra attenzione dalle situazioni di difficoltà dei nostri concittadini. Anzi ci daranno maggior vigore per dare soluzione ai problemi locali e mettere in campo ogni azione affinché nessuno si approfitti per avere ciò che non gli spetta.
Un Sindaco è chiamato sempre a dare  risposte territoriali  anche  alle emergenze nazionali. Occorre guardarle in faccia e saperle affrontare. Voltare le spalle non sarebbe un segno di responsabilità
Per questo motivo   possiamo serenamente dire che Cernusco farà  la sua parte.

Olivia Mabellini , candidata Sindaco. 

domenica 14 maggio 2017

Rendiamo più bella e efficiente la nostra città. Ecco i motivi della mia candidatura a consigliere comunale.

Mi candido a consigliere comunale di Cernusco sul naviglio alle elezioni amministrative del 11  giugno  nella lista Cernusco Civica .

54 anni, sono sposato con Laura e ho due figli Alessandro e Luca. Sono diplomato in Ragioneria e lavoro in una grande Azienda di Telecomunicazioni.  Ho frequentato la facoltà di  Filosofia all’ Università Cattolica e sono diplomato Counselor   presso il Centro Berne di Milano.

Fin  da giovanissimo  sono  stato presente nella vita sociale della città   come educatore e organizzatore  al Paolo VI e come volontario dell’ Unitalsi.  Sportivo da sempre  ho   fondato  il GSO Paolo  VI  nel ‘82 da cui è nata l’ASO e il Football Club Cernusco nel 2013 . Sono stato membro del consiglio d’istituto all’ITC di Cologno Monzese e membro della FUCI in Cattolica.  Come politico sono stato Consigliere comunale nel 2007  in maggioranza con Comincini passando   all’opposizione nel 2009 per iniziare quel percorso civico , prima con Persona e Città e poi con Cernusco Civica, che ci permette di valorizzare al meglio le persone e  il territorio.
Come presentatore di Radio Cernusco Stereo ho portato la diretta radiofonica in consiglio comunale per migliorare la partecipazione  e come consigliere comunale nel 2008  ho creato la Consulta dello Sport per dare alle associazioni sportive più voce nella gestione dello sport. In questi anni   ho saputo dare ascolto ai cittadini su piccoli come su grandi temi. Esempi recenti sono la difesa  del Parco degli Aironi per renderlo fruibile alle famiglie e alla Protezione Civile e lo stop all’ ampliamento del Carosello per rilanciare il commercio locale;  il miglioramento della raccolta rifiuti e della gestione di Ecuosacco per avere un servizio migliore e più equo in termini di costi e benefici.

Tra i   punti presenti nel nostro programma   ho a cuore in particolare:
·       la riqualificazioni completa dei nostri due centri sportivi attraverso una miglior gestione in “stile” Enjoy garantendo la  massima fruibilità alle associazioni sportive e la valorizzazione  parchi gioco per i nostri ragazzi fin dall’ infanzia;
·       la digitalizzazione della pubblica amministrazione per migliorare i servizi al cittadino e il lavoro dei dipendenti comunali.
·       I luoghi per lo studio e per gli  start up lavorativi per i giovani

Ritengo che la lista civica possa raccogliere meglio la voglia di  partecipazione alla costruzione della nostra comunità.
Lavoriamo insieme per  dare a Cernusco un governo che sia espressione di quell’area moderata che ha dato la sua impronta positiva fin dagli anni 70  alla Cernusco che oggi   conosciamo e di cui godiamo i benefici.
Ritaglio con piacere lo spazio per il mio impegno politico tra la famiglia, gli impegni di  lavoro e le  amicizie, perché sono certo  che attraverso un  leale confronto le mie proposte  possano contribuire a migliorare la    vita di cittadini e i servizi della nostra città,

Tutto questo lo faccio insieme alla dottoressa Olivia Mabellini  candidata Sindaco perché di lei ho una profonda stima, ho apprezzato la sua capacità di ascolto e di cura della persona e le riconosco il suo sapersi dare agli altri senza cercare biechi  interessi personali.
Per questo ti chiedo di sostenermi   e di votarmi come Consigliere Comunale e di votare Olivia Mabellini Sindaco.

Grazie
Claudio

Cellulare 335.6920669 –  mail claudiogargantini@alice.it
Blog     http://claudiogargantini.blogspot.it/

Facebook – Twitter – instragram  CLAUDIO GARGANTINI









venerdì 12 maggio 2017

I candidati di Cernusco Civica per Olivia Mabellini Sindaco.

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 11 GIUGNO 2017 CERNUSCO SUL NAVIGLIO -
CERNUSCO AL CENTRO con OLIVIA MABELLINI SINDACO
CERNUSCO CIVICA - Ecco i Candidati!!
1 Gargantini Claudio - Impiegato commerciale
2 Collio Michela - Mamma
3 Pandiscia Rocco - ex Dirigente
4 Zanini Claudio - Promoter immobiliare
5 Aquila Emanuele - Pensionato
6 Cantù Damiano - Infermiere professionale
7 Bonini Gilberto - Pensionato e scrittore
8 Puglisi Sara - Studentessa universitaria
9 Tringali Angelo - Funzionario pubblico
10 Cassago Davide - Cuoco
11 Cereda Noemi -Studentessa universitaria
12 Chiodi Giancarlo - Pensionato A.T.M.
13 Zanghi Liliana - Pensionata
14 Marcon Fabio - Amministratore condomini
15 Benelli Sara - Segretaria
16 Beretta Giorgio - imprenditore
17 Cordini Astrid - Imprenditrice
18 Zapparoli Gabriele -Architetto
19 Froio Carmen - Avvocato
20 Borzone Renato - Studente universitario
21 Casiraghi Damiano -. Esercente
22 Colombo Andrea - Esercente
23 Bruno Fabio - Imprenditore
24 Ragnolini Marta - Studentessa universitaria
VOTA MABELLINI SINDACO !! VOTA CERNUSCO CIVICA
Sulla scheda puoi indicare due candidati contemporaneamente di sesso opposto































venerdì 5 maggio 2017

Benvenute elezioni amministrative

Le vicine elezioni amministrative del 11 giugno sono benvenute e benedette. 
Sono benvenute in quanto momento per ripensare il futuro della nostra città e di chi l'amministrerà.
Sono benedette perché sono un occasione   per chi ha governato di richiedere la fiducia e per coloro che sono stati all'opposizione  di  candidarsi a loro volta a governare la città
Sono  anche  l'occasione per coloro che in questi anni sono stati assenti dalla vita politica per riemergere dalla palude e di confrontarsi con la legge del voto e mettersi in gioco in prima persona. 
Se non è facile fare opposizione per 5 anni è ancor più difficile farla senza rappresentanza in consiglio. 
Ecco perché non mi stupisco che emergano oggi candidature inaspettate e variegate. Le ritengo invece positive alla luce del fatto che spesso si corre quando si vede una meta vicina. 
E qui le elezioni svolgono bene tutto il loro ruolo motivazionale.
A parte il Sindaco uscente, che comunque può sempre candidarsi come consigliere comunale, fanno bene ad essere presenti anche altri ex amministratori come  gli ex Sindaci Colombo ,Cassamagnaghi e  Frigerio.
Come fanno molto bene ex amministratori   rimossi in fine mandato, come Maurizio Rosci e Rita Zecchini a verificare il tasso della loro popolarità e delle proprie proposte. 
Come fanno molto  bene a mettersi in gioco coloro che in questi anni   sono stati comunque presenti nei vari movimenti di opinione civica lottando su battaglie specifiche come Carosello e Ecuosacco. 
Fanno  bene ad essere presenti nelle liste elettorali anche i "leoni da tastiera" che affrontano così la vera prova della democrazia che  è il voto dei cittadini e non i like.
Dunque tutti in piazza e nelle nostre vie  a confrontarci e a volantinare senza scandalizzarsi di fantasmi riapparsi  ma creando momenti di confronto e non di scontro. 
Concentriamoci su questo più che su qualche cartello fuori posto o qualche volantinaggio troppo spinto. 
Firmiamo tutti in massa per presentare le liste. Perché firmare non è schierarsi ma permettere la competizione elettorale.
La politica non è questione di età o di verginità politica ma di idee e proposte. 
Quindi Forza Cernusco e benvenuta politica della partecipazione. 
Perché Cernusco non solo è bella ma cosi mi piace.  

Buona campagna elettorale. 
Claudio 



giovedì 20 aprile 2017

Chiarimenti sullo stato dell'Unione dei Comuni. Mozione in consiglio comunale

Nella stesura del bilancio di mandato ci sono luci e ombre di questa Amministrazione prossima alla fine.
Un’ombra è senz’altro la fine dell’Unione dei Comuni fortemente voluta da Comincini e dalla sua maggioranza  nonostante non abbia mai portato alcun vantaggio alla nostra comunità ma solo  dispersione di  risorse umane ed economiche.
Pensiamo sia interesse del Sindaco in prima persona , al termine del suo mandato,  fare il punto su un tema da lui fortemente voluto e spiegare, al netto dei costi sostenuti, quali siano stati i punti critici che non ha  permesso all’Unione dei Comuni di attuarsi.
Ecco perché nel rispetto della trasparenza e della chiarezza dovuta dal Sindaco Eugenio  Comincini, i consiglieri comunali Claudio Gargantini e Claudio Keller sottopongono al consiglio comunale una mozione per ufficializzare la chiusura dell’Unione dei Comuni e rendicontare tutte le spese sostenute.

Mozione che sarà  in discussione nel consiglio comunale del 26 aprile 2017


 Al Sindaco di Cernusco sul Naviglio
Eugenio Comincini

MOZIONE: Unione dei Comuni della Martesana
Il Consiglio Comunale
Premesso che
·      I Comuni di Cernusco sul Naviglio, Bussero, Cambiago, Carugate, Gorgonzola e Pessano con Bornago, hanno costituito nel 2015 l’ Unione di Comuni della Martesana;
·      Il Comune di Cernusco ha approvato lo Statuto dell’ Unione con delibera di Consiglio n. 20 del 25 marzo 2015;
·      In data 24 giugno 2015 è stato stipulato dal Segretario Generale di Cernusco sul Naviglio l'atto Costitutivo dell' Unione;
Considerato che
·      L’ UNIONE dei Comuni rappresenta solo una delle soluzioni associative previste dalla legge e si configura come un nuovo ENTE LOCALE non elettivo che non era previsto nel programma elettorale di questa amministrazione;
·      L’intenzione dei Sindaci era quella di conferire subito  all’ Unione funzioni e servizi di progettazione e gestione del sistema locale dei servizi sociali ed erogazione delle relative prestazioni ai cittadini, e in un secondo tempo altre funzioni;
·               Ha suscitato scalpore la richiesta di 200.000 euro da parte di Cernusco, in qualità di “Comune Capofila”, agli altri Comuni per la sede dell' Unione. Risulta che solo il Comune di Carugate abbia versato la quota spettante;
·               L' Unione, per legge, “non deve costare di più ma creare risparmi”;
·               La Corte dei Conti  ha affermato che le Unioni non fanno risparmiare e i servizi erogati non funzionano;


Valutato che
·      Ben pochi sono stati gli atti dell’Unione; IL Consiglio dell’ Unione si è riunito una sola volta; Risultano due delibere di giunta dell' Unione che dopo le elezioni amministrative del 2016 non risulta costituita con i nuovi Sindaci e/o Assessori;
·      L’ Unione non ha mai stilato un piano finanziario  e non sono state trasferite alla stessa risorse ma il Comune di Cernusco ha svolto la funzione di “ente capofila”;
·      Nel giugno 2016, la neo Giunta di Cambiago ha deciso e proposto al Consiglio l’uscita dall’ Unione dei Comuni;
·      Nel febbraio 2017 risulta che il Consiglio Comunale di Pessano con Bornago abbia votato l'uscita dall' Unione;
·      Da notizie di stampa si evince che i Sindaci dei Comuni coinvolti non si sono trovati d’accordo su tanti aspetti dell’ Unione fino ad annunciarne la chiusura; 
Visto
·      Che Lo scioglimento dell’ Unione è deliberato da ciascun Consiglio comunale dei comuni componenti con le procedure e la maggioranza richieste per le modifiche statutarie dei Comuni (art . 7 comma 1 dello Statuto)
Impegna il Sindaco
·      A rendicontare a questo Consiglio Comunale i costi dell’ Unione, attraverso un elenco di tutti i costi (esempio: Studio di fattibilità in collaborazione con Anci pagato  con fondi del distretto; trasferimento in Emilia;  rogito; quota parte del lavoro degli impiegati e Segretario Comunale;  altre consulenze; acquisti; spese per la sede dell’ Unione; costo chiusura uffici scolastici e sportivi nella sede di via cavour con relativo trasferimento negli uffici di Villa Greppi; etc….); 

·      A sottoporre al Consiglio una proposta di delibera di scioglimento dell’Unione da inserire all’ ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale;

Claudio Gargantini consigliere comunale Cernusco Civica

Claudio Keller consigliere comunale Gruppo misto. 


nella foto I Sindaci dei Comuni di Bussero, Cambiago, Carugate, Cernusco sul Naviglio, Gorgonzola e Pessano con Bornago, all'atto della neonata Unione dei Comuni nel novembre 2015




giovedì 16 marzo 2017

CERNUSCO CIVICA CONTINUA IL SUO IMPEGNO NEL SOLCO DEL CIVISMO.

Comunicato stampa-cernusco 15 marzo 2017
RIPARTIAMO DALLE PERSONE E DAL NOSTRO TERRITORIO PER CAMBIARE VERSO.
CERNUSCO CIVICA CONTINUA IL SUO IMPEGNO NEL SOLCO DEL CIVISMO.

Le liste civiche sono da parecchio tempo meglio rispondenti alle reali esigenze dei cittadini, sia a Cernusco sul naviglio come nell’intera area Martesana, anche causa la crisi dei partiti nazionali, spesso mossi da logiche ideologiche di puro consenso elettorale.
Per questo Cernusco Civica , che prende su di sé l’eredità della lista Persona e Città e del suo consigliere comunale Claudio Gargantini, si pone equidistante dai partiti di sinistra come di destra, pur rispettandone il percorso e la proposta politica, restando contemporaneamente disponibili ad un confronto leale e trasparente sui temi cittadini. 

La lista Cernusco Civica si presenterà presto alla città pronta a condividere questo nostro percorso con altre realtà cernuschesi fin dall'inizio.

La costruzione del programma partirà dalle reali esigenze della città e dei suoi cittadini per trovare oggi le migliori soluzioni e rendere Cernusco sul naviglio una città sempre meglio vivibile al passo con i tempi.
Per questo sono in cantiere strumenti e incontri in cui ognuno potrà dare il proprio contributo di idee e di proposte che costruiranno l’architettura di un programma civico sempre aperto ai contributi migliori. 
La Dottoressa Olivia Mabellini è il candidato Sindaco garante di questo percorso di coinvolgimento della società civile attraverso cui riscoprire il senso del bene comune.
Nel frattempo è aperta una pagina Facebook , Cernusco Civica, su cui è possibile tenersi informati.



Il Coordinamento di Cernusco Civica

venerdì 10 marzo 2017

Le strutture sportive finanziate con i soldi del monopoli. Ossia valore zero!!

A bilancio non ci sono le risorse economiche per le ristrutturazioni sportive promesse da inizio 2016 riguardante il rifacimento della tribuna Scirea;   il muro separatore delle palestre dietro al palazzetto;   il campo da calcetto di fronte alla bocciofila del centro sportivo di via Buonarroti a Cernusco sul naviglio. 


Strutture da abbattere e rifare come la tribuna Scirea con l' impiantistica non a norma; come il  muro da costruire per evitare il disturbo delle attività sportive delle società impegnate contemporaneamente nelle due palestre dietro il Palazzetto ; come la rete e il campo da calcetto da rifare pericolosi per l'incolumità dei nostri ragazzi. 






Inoltre è da abbattere la struttura e da ripulire l'area dove sorgeva il bar dell' Ac Cernusco nello stadio comunale. 


Il centro sportivo pur ampio e efficiente nella struttura dell' enjoy center trova   nelle altre strutture sportive evidenti magagne e difetti da sistemare per rendere migliore e più sicura l'attività sportiva dei nostri ragazzi.
Da qui la necessità di essere rinnovate  a beneficio di tutta la città.

Le risorse economiche per effettuare i lavori erano state promesse  dall'Assessore ai lavori pubblici e bilancio Maurizio Rosci in un incontro di inizio 2016 con le società sportive. Promessa che aveva fatto arrabbiare l'Assessore allo sport Zacchetti   che aveva lamentato il passo in avanti del collega   al Sindaco  e che aveva portato all' epurazione di Rosci dalla giunta da parte di Comincini. 
Dopodichè le risorse della "promesse"  da Rosci vennero comunque  messe a bilancio e i lavori previsti per il 2016.
Nulla invece è stato fatto nell'anno passato    con l'Amministrazione comunale che   le riprometteva per il 2017.
Orbene nel consiglio comunale di mercoledì 8 marzo 2017 le risorse postate per le strutture sportive sono state postate per  fare altri lavori a causa delle mancate programmazioni del nuovo assessore al bilancio Melzi e ai lavori pubblici Comincini che non ne avevano previsto la copertura.  

Da qui la scelta in "zona cesarini" di mettere gli oneri di urbanizzazione a coprire  altri lavori e di spostare sotto la voce contributi privati   il rifacimento delle strutture sportive 
Un pò come dire faremo, valuteremo, programmeremo senza però mettere un ghello spendibile a bilancio. Insomma come pensare di usare i soldi di paperino.  
Provate a chiedere all'Assessore al Bilancio Melzi se i soldi postati per il rifacimento delle strutture sportive siano da subito spendibili e ditemi cosa vi risponderà?!!
Verosimilmente NO in quanto non ci sono. 


Possiamo non condividere tutte le scelte fatte nel suo lungo mandato dall'Assessore Maurizio Rosci ,  ma non possiamo non riconoscere la sua  capacità di programmazione , mettendo a bilancio le  risorse economiche, necessarie per effettuare i lavori della città  
Capacità che ha portato il comune di Cernusco sul naviglio ad essere il comune più virtuoso; risultato "premiato" dal Sindaco Comincini con la sua rimozione dalla giunta. 

Una non-scelta quella dell' Amministrazione  che lascia l'amaro in bocca alle società sportive e agli sportivi cernuschesi per come sono state fatte   e per come non sono state comunicate. 
Ricordo che durante l'assemblea della consulta dello sport una rappresentante delle associazioni sportive risollevava la questione della costruzione del  muro tra le palestre. Osservazione che non trovava parola ne risposta  da parte dell'assessore allo sport Zacchetti. 





Lo stesso Assessore  avrebbe potuto ammettere che i soldi erano stati spostati   e quindi i lavori promessi non erano più effettuabili. 
Doveva e poteva motivare ma non lo ha fatto. Perchè un conto è dire che i lavori sono stati spostati nel 2017 e un conto  è dire che i soldi per fare quei lavori non ci sono più.

Concludiamo dicendo che il centro sportivo di via Buonarroti, escluso l'Enjoy Center, ha parecchie lacune e difetti che potevano essere mitigati dagli interventi previsti da Rosci ma eliminati da Zacchetti e Comincini. 

Concludiamo preoccupati visto che nessun bando per il rifacimento del centro sportivo è stato presentato .

Concludiamo preoccupati perché il centro sportivo di via Boccaccio è lasciato a se stesso e non vi è alcuna programmazione di rifacimento delle strutture ne nessun bando in essere che possa migliorarne le strutture e gli spazi a vantaggio del movimento sportivo. 

Concludiamo riconoscendo che il mondo  sportivo  cernuschese è ricco in sè e sa esprimersi bene nonostante la latitanza dell'Amministrazione Comincini.

Claudio Gargantini
consigliere comunale Cernusco Civica










ecco sotto l'atto presentato in consiglio comunale il giorno 8 marzo 2017
ecco alcune foto delle strutture del centro sportivo da ristrutturare e ambiti da ripulire. 





















Lasciami un tuo segno. Grazie

Grazie per i commenti lasciati. Vi chiedo una cortesia, lasciate la vostra firma, un riferimento, almeno il nome, magari la mail. La vita non è solo questione di merito e di metodo, ma anche e soprattutto una questione personale. Le cose che si dicono, come si dicono, acquistano sapore se riferite a un volto, a un nome.Ciao Claudio.



mail claudiogargantini@alice.it

cell. 335.6920669

fax 06.418.69.267