domenica 16 luglio 2017

Innanzitutto grazie.

Per prima cosa grazie a chi mi ha votato con il desiderio di vedermi ancora in consiglio comunale. Purtroppo non ce l’ho fatta ma risulto essere il primo dei non eletti.  Il mio impegno  di critica costruttiva continuerà come semplice cittadino e come membro di Cernusco Civica che potrà contare su Olivia Mabellini come consigliere comunale.
Ci ho messo la faccia come sempre e ci ho  creduto prima con Olivia e anche dopo con Paola Malcangio che abbiamo sostenuto ritenendola candidata apprezzabile e  portatrice di un programma ambizioso che Cernusco merita.  Ha vinto invece Ermanno Zacchetti, con un programma  molto meno ambizioso,    segno di continuità con la precedente amministrazione;  ha vinto  anche se solo con poco più di un quarto degli aventi diritto al voto ma ha vinto e quindi dovrà governare Cernusco.
La giunta presentata da Zacchetti lascia l’amaro in bocca a parecchi e molti dubbi sulla sua autorevolezza.
Lo lascia a chi lo ha sostenuto a partire da Nicola Baboni, il cui ritiro dalle primarie doveva  essere ricompensato con un  assessorato   invece scomparso ,  fino all’ex assessore  Maurizio Rosci che come primo votato del Pd e di tutti i consiglieri  comunali si aspettava la candidatura della sua maggioranza a Presidente del Consiglio  che toccherà invece  a  Gianluigi Frigerio candidato contro Zacchetti in queste elezioni  e fino a un mese fa capogruppo di Forza Italia, che sarà votato  proprio da Pd e da Vivere Cernusco   in cambio del suo   sostegno a Zacchetti nel ballottaggio.
La giunta dal canto suo presenta l’onnipresente Paolo Della Cagnoletta come garante della continuità dell’era Comincini pronto a gestire le difficili partite Garzanti e Carosello.
La sorpresa Nico Acampora si vede scippare   l’Assessorato alle politiche giovanili, sua riconosciuta  competenza, dal sindaco Zacchetti che cede invece l'Assessorato allo Sport   alla  Presidente dell’Atletica Cernusco  Grazia Vanni.
I più azzeccati sembrano essere quelli di Vivere Cernusco mentre la Gomez si prende il design urbano manco Cernusco volesse candidarsi al fuori salone.
Per finire Zacchetti si tiene bilancio e lavori pubblici oltre ad altre  innumerevoli deleghe nell’attesa  di designare  il settimo assessore.
Tra il serio e il faceto ritengo che non sarà facile la navigazione di Zacchetti mentre mi fa piacere vedere la preparazione dell’ opposizione che   su  alcuni punti potrà essere trasversale alle posizioni in consiglio  visto che una seria opposizione non può che fare bene  ai cittadini e  a chi governa la città.
Anche se in politica non si fanno sconti a nessuno, men che meno agli amici, lancio un abbraccio a Zac che mi dispiace non poter pungolare direttamente in consiglio. Gli auguro di saper ascoltare e accogliere positivamente i consigli e  le critiche ovunque esse arrivino per crescere come uomo e come Sindaco restando però sempre fedele al monito di Andrea suo padre   che gli ricordava spesso : “Guarda ti. Ma fa i rob giust”, scegli tu ma fai le cose giuste.

Garga

lunedì 26 giugno 2017

Elezioni amministrative 2017 - risultati Cernusco sul naviglio

Cernusco sul naviglio Elettori 26858 Votanti 11691 affluenza  43,53 %

Paola Malcangio voti 4348 = 38,16 % dei votanti e il 16,18% degli aventi diritto al voto.
Ermanno Zacchetti voti 7046 = 61,84% dei votanti e il 26,23 % degli aventi diritto al voto

Qui il sito con i risultati

venerdì 23 giugno 2017

Voto Paola Malcangio e non Zac. Ecco perchè.

Domenica 25 giugno al ballottaggio per il nuovo Sindaco di Cernusco voto Paola Malcangio e non l'amico Zac.
Perchè condurre una città è prima di tutto una questione di capacità e di competenze e non un voto sull' amicizia o sulla fede. 
Perchè Paola è persona capace e lo sappiamo tutti, compresi coloro che non la votano ma lo ammettono. 
Perchè Paola ha avuto il coraggio di mettersi in gioco nonostante l'ombra pesante del marito che rischia di minarne l'indipendenza anche se cosi non è. Anzi, come si dice nelle coppie, quella in gamba è lei!
Perchè siamo stanchi dei veti incrociati dei Frigerio, dei  Colombo, dei Cassamagnaghi e degli uomini che rispondono al Carosello.
E Gianluigi  contro Paolo, e Angelo contro  Gianluigi, e Daniele contro Paolo,  e Paolo contro Gianstefano;   e che palle!!! 

Ho deciso di scrivere un post semplice semplice sul mio voto mentre rimando ai precedenti comunicati le ragioni politiche.  Qui e Qui. 

Dove Ermanno ha governato come Assessore ben dal 2010, ha fallito. I centri sportivi sono rimasti  tutti da ristrutturare e l'unico che funziona , l' Enjoy, lo ha fatto l'assessore che lui ha fatto buttar fuori dalla giunta con Comincini,  Maurizio Rosci. Insomma in sette  anni non ha mosso un dito sulle strutture comunali se non per  rifare la pista di atletica, da poco rifatta,  del presidente della Consulta dello sport Roberto Ambrosoni nonchè candidato nelle liste di Vivere Cernusco. 
Io stesso sono rimasto deluso dalle sue promesse quando ho fondato nel 2013 su sua richiesta il Football Club Cernusco dopo che lui è riuscito a chiudere 42 anni di storia dell'AC Cernusco. Il campo in sintetico è rimasto un sogno e in cambio abbiamo il più brutto campo di calcio della martesana. 

L'ecuosacco non ha saputo tener conto degli ultimi, ossia degli anziani con pannoloni e dei giovani genitori con quelli dei loro piccoli in cui d'estate crescono anche i vermi per la mancanza di un doppio giro di ritiro come in altri comuni con la stessa esigenza, nonostante i suoi proclami di una politica che non lascia indietro nessuno. Si! ma solo a parole.  L'Ecusosacco meritava un tempo di prova come a Segrate ma l'impegno con il partito  di entrare velocemente contro ogni logica ha fatto bruciare le tappe creando una gran confusione. Ora rimaniamo in Cem solo per portare Paolo Della Cagnoletta, il tutore con Comincini del pd cernuschese,  alla sua presidenza. Perchè nel partito non cade foglia che Della Cagnoletta non voglia. Tutti gli altri bravi gregari. 

Il raddoppio del centro commerciale  Carosello su un parco comunale , anche se lui non ci ha mai creduto,  solo per compiacenza al sindaco Comincini e all'assessore Marchetti rimane una gran stupidata che regala qualche milione di euro al solito imprenditore  per lo scambio di un terreno agricolo che rimarrà per sempre verde anche senza compensazione e annuncia la fine della politica ambientale di vivere cernusco e il fallimento della politica del centro sinistra  sul rilancio del commercio locale. 

Sull'innovazione, sempre suo l'assessorato dal 2010, siamo il comune più brocco, con un sito inguardabile, le linee del comune ancora in rtg e isdn, mentre il voip ,  il digitale e la fibra in comune non sanno nemmeno cosa sia.  Anche  la sua associazione Cernusco 2032 , citta dell'innovazione ( boh!!) ha chiuso i battenti e di start up non ne ha creato nemmeno uno a meno di sperperare  28.000 euro circa per promuovere un raviolo che non è mai esistito. 
Zacchetti dove ha governato come Assessore ha spiccato negli incontri per silenzio e meditazioni degne di un trappista.  

Lascia un lavoro da 100.000 euro annui per prenderne 35.000  manco fosse un francescano a meno che mettersi in aspettativa non lo metta al riparo da eventuali ristrutturazioni  aziendali.

Se vincesse governerebbe con quattro volponi di vivere cernusco e la fronda interna capitanata dal'ex assessore Rosci con tre consiglieri a cui contrappone quattro bravi ragazzi dell'oratorio con mamme catechiste e una promessa di incarico all'ex capogruppo di Forza italia Frigerio. Auguri!!

Ermanno ha un programma che è una lista della spesa senza un progetto preciso  a differenza di quello di Paola che è fin troppo ambizioso per rilanciare Cernusco con un progetto veramente innovativo. 

Lo dissi subito quando Zac divenne assessore  nel 2010 che in politica, quando si parla del bene pubblico, l'amicizia deve rispettare le competenze e le abilità. Lo dissi con queste parole : "Considerando la politica amministrativa non una partita tra amici ma un servizio a tutta la città e ai suoi cittadini, non posso non ricordare che nella vita pubblica da un amico non ci si può aspettare ne favori ne vie preferenziali, piuttosto il contrario. "

A livello personale sarebbe stato per me più facile un rapporto con Zac ma qui si parla di gestire il bene pubblico e la nostra città. Ecco perchè ritengo Paola più adeguata e preparata. 
Avrei potuto stare zitto per convenienza ma la convenienza e il consenso non sono il mio forte ; lo sono la sincerità e il saper dare ragione delle cose che dico e che faccio anche quando sono scomode. Mi piace il confronto e la critica che rimarranno insieme alla mie proposte sulla città e sul  bene comune il mio futuro stile di consigliere e di cittadino. 

Insomma Zac è un amico a cui darei la vita ma non le chiavi della mia città. Oggi a Paola si. 

Buon voto.

garga


p.s del 25 giugno su Ecuosacco.
Fioccano le MULTE ECUOSACCO sui cittadini da parte dell'Assessore , multe da contestare in quanto eseguite non in flagranza di reato ma postume. Sappiamo bene che chiunque possa aprire un sacco dopo essere stato depositato correttamente dal cittadino e metterci rifiuti non conformi oppure prendere un sacco e spostarlo in una zona multabile. Problema già posto nell'assemblea cittadina alla filanda da Filippo Coppola ( ricordi?!).
Come sempre il nostro assessore si mostra forte con i deboli( i cittadini multati scorrettamente ) e debole con i forti ( il dirigente Acquati inadempiente) che non consegna ai consiglieri comunali i dati dei suoi controlli a Cem nel silenzio tombale dell'assessore che non garantisce il diritto ai consiglieri comunali di avere la documentazione dei controlli effettuati dagli uffici comunali a cem.( saranno mai stati eseguiti come si deve la trentina di controlli annunciati dal dirigente?! altrimenti perchè negarli?! il dubbio è lecito!!) Altro che politica in difesa degli ultimi dell'assessore. Questa è vessazione bella e buona se aggiungiamo anche la condizione in cui l'Assessore e Cem lasciano gli anziani e le giovani famiglie con neonati con i pannoloni e i pannolini per 6 gg. nelle proprie case ( pare che a qualcuno facciano un favore personale a ritiraglielo......e agli altri?! ) . Anche su cem e ecuosacco assessore bocciato e Cem da rimandare a casa propria.

mercoledì 21 giugno 2017

Sul Carosello Pd e Vivere Cernusco contradditori. Imbarcano Gianluigi Frigerio dopo aver scaricato Rita Zecchini tutti e due contrari all’ ampliamento del Carosello

 Sul Carosello il PD e Vivere Cernusco hanno  scaricato Rita Zecchini e Sinistra x Cernusco per il voto contrario all’ampliamento del carosello nel consiglio del 1 febbraio 2017 ma sono pronti a imbarcare,  in vista del ballottaggio del 25 giugno,  Gianluigi Frigerio  come da sua dichiarazione alla stampa locale , anch’esso però contrario allo stesso  ampliamento del Carosello come da votazione del 1 febbraio in consiglio comunale.

A questo punto risulta incomprensibile il doppiopesismo del Pd e di Vivere cernusco pronti a buttare 9 anni di lavoro comune con Rita Zecchini per imbarcare l'ex capogruppo di Forza Italia Frigerio anch'esso contrario all'ampliamento.

D’altra parte Gianluigi Frigerio non si deve stupire se i candidati delle sue due liste e i suoi  elettori  si siano risentiti e arrabbiati per la scelta di passare a sinistra.

L'uscita da Forza Italia come capogruppo e candidato sindaco in pectore del centro destra è troppo vicina  per far digerire ai suoi elettori un possibile accordo con il Pd ma soprattutto con Vivere Cernusco in quanto è normale che Gianluigi sia ancora considerato un candidato di centro destra con un elettorato coerente con quell'area.


 Ora comprendo meglio i rifiuti di Gianluigi di parlare con noi di Cernusco Civica per allargare la base delle civiche cernuschesi in vista delle elezioni. Allargamento che avrebbe portato a fare un gruppo di ben 5 liste civiche pronte a fare la differenza.

 A questo punto non posso che augurargli buona fortuna in questa sua nuova avventura a sinistra .

Claudio Gargantini
Consigliere comunale Cernusco Civica

lunedì 19 giugno 2017

Votiamo Paola Malcangio al ballottaggio. Le ragioni di una scelta. Comunicato stampa

Votiamo Paola Malcangio. Le ragioni di una scelta.
comunicato stampa 19 giugno 2017

Il 25 giugno la lista Cernusco Civica e Oliva Mabellini sostengono , votano  e invitano a votare Paola Malcangio Sindaco di Cernusco sul naviglio.

Lo facciamo coerentemente con le motivazione del nostro percorso politico come già spiegato nel comunicato stampa in cui abbiamo raccontato le ragioni del nostro apparentamento al 25 giugno con Paola Malcangio.
Cernusco Civica   ponendosi equidistante dai partiti di sinistra come di destra resta   contemporaneamente disponibile ad un confronto leale e trasparente con gli stessi  perché la politica è decidere e saper decidere cos’è meglio per il proprio progetto e per la propria città dove se ne pongano le condizioni.

A questo proposito avendo ottenuto un buon risultato al primo turno con un 4,14 % come lista e un 6,72 % ossia  1018 voti come candidata Sindaco, siamo stati interpellati da noi stessi e dai due candidati al ballottaggio su quali possibili alleanze costruire per il futuro di Cernusco decidendo di ascoltare le loro proposte.

Martedi 13 giugno alle ore 17 venivamo invitati   dal candidato Zacchetti nell’ufficio dell’attuale Sindaco Comincini insieme a Cassamagnaghi di Forza Italia , presenti per la nostra coalizione Olivia Mabellini e Rocco Pandiscia,  per una proposta cosi sintetizzata. Stare  all’opposizione per possibili future collaborazioni su qualche punto del programma cosi da avere  la presidenza della commissione servizi sociali. Ricordo che da sempre alle minoranze vengono date 1 o 2 delle 4 commissioni previste, quindi nessuna proposta reale per Cernusco Civica.

Mercoledi 14  alle ore 10 Olivia Mabellini, Rocco Pandiscia e il sottoscritto hanno  ricevuto nello studio della dottoressa la candidata Paola Malcangio insieme ad alcuni rappresentanti della sua coalizione.
La proposta politica è stata l’apparentamento con la proposta di gestire l’Assessorato ai Servizi Sociali e alle politiche familiari per la nostra candidata  Olivia Mabellini. L’apparentamento prevede in caso di vittoria che i consiglieri della coalizione di Olivia passino da 1 a 3.

Una proposta questa in linea con gli obiettivi che Olivia Mabellini insieme alla propria colazione si era data, ossia gestire i servizi sociali per essere maggiormente attenta a tutte le fasce deboli della città e lavorare per la promozione del benessere di tutti i cittadini.

Alle 13 il sottoscritto Rocco Pandiscia e Claudio Zanini si incontrano   e condividono che la proposta di Paola  Malcangio sia da accettare  e sottoscrivere rimandando alla riunione convocata alla sera tra tutte le liste  in sede elettorale la decisione definitiva.

Premesso che gli apparentamenti sono da firmare per liste e non per coalizione  e preso atto delle posizioni contrarie della lista Colombo ( ragioni personali e non politiche) e di Cernusco nel cuore ( inopportunità di rischiare di perdere) Cernusco civica decide a maggioranza di precedere verso l’apparentamento con il solo voto contrario di Michela Collio che esprime le stesse ragioni dette da Zacchetti e Comincini nell’ incontro con la Mabellini sostenute dalla convinzioni che occorra rimanere civici e non schierarsi per non compromettere future alleanze con il pd. Qui oltre alla contraddizione in termini ( restare civici ma con possibile future alleanze solo a sinistra è una chiara contraddizione) denoto come la dichiarazione  di non schierarsi a fronte di un ballottaggio che propone due candidati al 18,96 % di Malcangio e al 35,94 % di Zacchetti dichiara di fatto di appoggiare il secondo.

Le ragioni da me espresse e condivise dalla maggioranza della lista sono state quelle   di potere , in caso di vittoria di Paola Malcangio, continuare a  portare avanti il nostro percorso civico grazie alla maggior forza presente   in consiglio comunale oltre a quella di gestire un settore delicato e importante come i servizi sociali, nostro principale obiettivo.  

Inoltre nei colloqui con i candidati e nella conoscenza che ne abbiamo di loro, riteniamo Paola Malcangio più adeguata a ricoprire il ruolo di Sindaco per le sua capacità politiche e competenze amministrative oltre che per la   sua miglior capacità   dialettica e attitudine comportamentale nel poter svolgere il ruolo di primo cittadino.  

Preso atto quindi che la maggioranza della lista e il direttivo nei suoi componenti (Mabellini candidata, i due delegati Pandiscia e Zanini e il consigliere comunale Gargantini) erano  a favore dell’apparentamento si procedeva a organizzare un incontro nel pomeriggio di Giovedi per comunicare a Paola Malcangio l’accettazione della sua proposta. E cosi è stato fatto.

Ritengo scorretto a questo riguardo ogni resoconto che abbia tentato di minare la validità della scelta di Cernusco Civica , pur comprendendo come sia difficile accettare la maggioranza quando non se ne condividano le scelte.

Come ritengo scorretto il comportamento di Claudio Zanini e il suo tentativo di bloccare l’apparentamento contro la decisione a maggioranza del gruppo e del direttivo.

Detto questo Olivia Mabellini ,il consigliere comunale di Cernusco Civica Claudio Gargantini  e il gruppo di Cernusco Civica lavorano convinti che le elezioni si possano vincere anche grazie al nostro apparentamento e in questo senso stiamo lavorando insieme alla coalizione di Paola Malcangio.

Claudio Gargantini- consigliere comunale Cernusco Civica.






venerdì 16 giugno 2017

Olivia Mabellini sostiene Paola Malcangio candidata alla carica di Sindaco. Comunicato stampa.



Domenica 25 giugno Olivia Mabellini insieme alla lista Cernusco Civica voterà Paola Malcangio Sindaco con la quale lavorerà per rendere attuabile il nostro programma sui servizi sociali finalizzato a un maggior  benessere dei cittadini. Grazie alla vittoria della coalizione  di Paola Malcangio la dott.ssa  Olivia Mabellini ricoprirà il ruolo di Assessore ai Servizi Sociali e  politiche familiari.

“Per questo Cernusco Civica , che prende su di sé l’eredità della lista Persona e Città e del suo consigliere comunale Claudio Gargantini, si pone equidistante dai partiti di sinistra come di destra, pur rispettandone il  percorso e la  proposta politica, restando contemporaneamente disponibili ad un confronto leale e trasparente sui temi cittadini” cosi il nostro comunicato stampa alla nascita di Cernusco Civica.

Coerenti con i nostri proclami che hanno scelto un percorso tutto civico nella prima fase elettorale, abbiamo saputo in vista del ballottaggio   ascoltare e dialogare  con i partiti incontrando i due candidati sindaci e abbiamo trovato solo in Paola Malcangio l’attenzione e la disponibilità ad accogliere il nostro programma e Olivia Mabellini nella sua squadra di governo.

Si realizza cosi l’obiettivo che ci ha fatto crescere come lista e come coalizione;  ossia  la  gestione  dei Servizi Sociali e la promozione delle politiche familiari.
Grazie all’apparentamento saranno 3 i consiglieri di Cernusco Civica che andranno a sostenere i nostri punti programmatici integrando il programma del sindaco Paola Malcangio.

Eccoli In breve  
 • Realizzare una Residenza per anziani e potenziare il servizio a domicilio per le persone non più autosufficienti -  Contrastare i “falsi” poveri che prendono contributi senza averne diritto - Abbattere le barriere architettoniche - Creare un coordinamento tra Comune, Medici di Famiglia, Pediatri, Associazioni di Volontariato e Parrocchie per pianificare un’azione efficace sui soggetti fragili. -  Promuovere la cultura della Famiglia con la firma del protocollo AFI -Attuazione del  Progetto Papà per individuare abitazioni comunali  per un sostegno dei Padri Separati - attuazione del Progetto Famiglie in difficoltà per la presenza  di Malati Psichiatrici e malati di Alzheimer - Progetto Badante di condominio; -  realizzazione  del progetto “DOPO DI NOI” per il sostegno  delle persone disabili dopo la morte dei propri cari – creazione di uno sportello di “cohousing sociale” dove gli anziani che hanno delle stanze libere possono comunicare la propria disponibilità al comune per ospitare dei giovani (studenti, studenti lavoratori, lavoratori che devono provvisoriamente trasferirsi a Cernusco), dietro corrispettivo economico - creazione di “cohousing anziani” per la condivisione di servizi assistenziali e infermieristici - carta servizi over 65 e under 14 per sconti e servizi dedicati

Questi i motivi per i quali Olivia Mabellini e la sua squadra concorreranno a sostenere Paola Malcangio per cui chiedono il voto e il sostegno di ogni cernuschese.
Cernusco è bella e lo può essere ancora di più gestita da persone competenti e capaci come Paola Malcangio e Olivia Mabellini.


Claudio Gargantini consigliere comunale Cernusco Civica. 

mercoledì 31 maggio 2017

La Città Europea dello Sport 2020. Una sfida condivisibile


La Città Europea dello Sport 2020  segnalata nel programma elettorale dell'Assessore allo Sport Ermanno Zacchetti , candidato per PD e Vivere Cernusco alle prossime elezioni di giugno è una sfida condivisibile  come stimolo a ridurre quel gap esistente tra  sogno, idea e realtà. 

L'idea è senz'altro buona iniziando a recuperare la Facolta' di Scienze Motoria che proprio questa Amministrazione ha lasciato andar via  nel suo primo mandato amministrativo.

L'idea della Città dello Sport 2020 può aiutarci a trovare le migliori soluzioni che vadano oltre i "giardini personali" di ogni associazione sportiva e che sappiano leggere e programmare lo sport cernuschese e le sue strutture in senso compiuto. 


Se l'obiettivo è il  2020  sono tanti e immediati i lavori da programmare per sistemare il centro sportivo di via Buonarroti esistente mentre quello futuro potrà  godere anche dei campi a nord del centro sportivo stesso per una ampia dimensione di circa 10.000 mq 
Anche qui siamo in netto ritardo   con l'apertura di un bando gestionale che comprenda alcune ristrutturazioni e opere nuove.

Uno stimolo quello di Zacchetti ottimo anche per ripensare l'intero centro sportivo di via Boccaccio che deve essere programmato insieme a quello di Buonarroti per evitare doppioni e dare il miglior spazio agli sport esistenti in maniera intelligente e futuristica. 

Purtroppo si è perso parecchio tempo in quanto la precedente convenzione con la Federazione Hockey già scaduta circa tre anni fà per inadempienza della stessa nelle opere che dovevano essere eseguite e mai fatte  è stata dichiarata solo da poco cessata per il ritardo con cui l'Assessore e il Dirigente Acquati hanno affrontato il problema. 


La stessa nuova palestra nel nuovo polo scolastico attiguo al centro sportivo di via Boccaccio è insufficiente per affrontare  la sfida  futura in quanto non sarà possibile che venga utilizzata in quanto di piccole dimensioni  nemmeno per le partite di basket , ma può essere il trampolino per evitare in futuro di fare opere sportive di cui un domani rischiamo di  pentirci. 

Centro Federale di Rugby, rifacimenti dei campi in sintetico per il calcio, campo in terra rossa per il tennis, nuova pista ciclistica con annessa pista di mountain bike,  nuovo palazzetto dello sport adeguato per dimensione e capacità alle odierne e future sfide delle società di pallavolo basket e sport che necessitano di altezze specifiche, uno spazio gioco-sport per l'infanzia e per i ragazzi, ammodernamento delle tribune  che vadano oltre i semplici spogliatoi e tribune finalmente coperte,  oltre a vere club house 2.0 che permettano ai nostri centri sportivi di diventare spazi aggregativi e associativi; sono solo alcuni degli spunti su cui occorre lavorare. 

Se a tutto ciò aggiungiamo le opere sportive ancora possibili all'oratorio Paolo VI, il già efficiente centro sportivo don gnocchi e il Molinetto Country Club, la città di Cernusco diventerà certamente il Top dello sport lombardo. 

Certo che la città europea dello sport non può essere solo uno slogan come dichiarato da Zacchetti che in questi anni come Assessore  allo Sport non ha certo governato al meglio il movimento sportivo cernuschese.  

Personalmente farò la mia parte, insieme alla nostra coalizione, per il ruolo che potrò ricoprire nel futuro panorama politico cernuschese,  come l'ho saputo fare nel 2008 quando da consigliere incaricato ho creato la Consulta dello sport come anche tutta la nostra coalizione. 

Claudio Gargantini- consigliere comunale










Il Dirigente Acquati continua a negare l'accesso agli atti su Cem!! Nuova segnalazione al Prefetto e al Segretario Comunale


Da: claudio.gargantini [mailto:claudio.gargantini@pec.it]

Inviato: martedì 30 maggio 2017 15:52
A: fortunato napoli ; PREFETTURA MILANO
Cc: CLAUDIO GARGANTINI ; MARCO ACQUATI
Oggetto: I: Accesso agli atti negato dal Dirigenti Arch. Acquati.

Buon giorno, in merito alla vostra risposta recapitatami oggi via pec alle 12.36 ricordo come ho scritto sotto, che si mi sono state recapitate le pesate in excel , ma NON i controlli effettuati dal dirigente nel numero da lui espresso di una trentina.
Attendo questi perchè sono importanti per verificare se e come è stata fatta l'attività di controllo spettante agli uffici di cui il Dirigente Acquati è responsabile
grazie per il positivo riscontro e per la documentazione.
distinti saluti
 

Claudio Gargantini
Consigliere comunale Cernusco Civica
 335.6920669


Da: "claudio.gargantini" claudio.gargantini@pec.it
A: "prefettura prefettura " Protocollo.pref.mi@pec.interno.it
Cc: "fortunato napoli " "CLAUDIO GARGANTINI "  
Data: Tue, 30 May 2017 04:58:38 +0200
Oggetto: I: Accesso agli atti negato dal Dirigenti Arch. Acquati.

Buon giorno Prefetto, la presente per segnalare che a tutt'oggi  NON   mi è stata ancora inviata la corrispondenza  riguardante   i dati dei controlli effettuati dal dirigente Architetto Acquati  dal 1 giugno 2016 ad oggi con relativo processo tracciato  riguardante  le contestazioni effettuate, la risposta di Cem  e le controdeduzioni degli uffici  con relative penali commisurate compresa tutta la documentazione tra i suoi uffici e la Cem corrispondenza compresa come previsto. 

Sono dati tutti presenti negli uffici e   facilmente   inviabili.
 Sono dati importanti che mi permettono di svolgere il mio ruolo di controllo e indirizzo come consigliere comunale.
Grazie per la risposta e per l'aiuto che vorrà darci per avere quanto la normativa prevede
Restando  a disposizione   per un incontro con voi , colgo l'occasione per porgere distinti  saluti .

Claudio Gargantini
consigliere comunale  


Claudio Gargantini
Consigliere comunale Cernusco Civica
 335.6920669


Da: "claudio.gargantini" claudio.gargantini@pec.it
A: "PREFETTURA MILANO " protocollo.prefmi@pec.interno.it
Cc:
Data: Thu, 23 Mar 2017 15:14:42 +0100
Oggetto: Accesso agli atti negato dal Dirigenti Arch. Acquati.

Egregio Prefetto, le scrivo per segnalare come  il Dirigente Arch. Acquati di Cernusco sul Naviglio  abbia negato  al sottoscritto consigliere comunale del comune di Cernusco sul naviglio l’accesso agli atti richiesto in riferimento  alla gestione dei rifiuti ad opera della Cem.
L’accesso agli atti è dovuto al consigliere comunale che ha tra i propri diritti doveri quelli di effettuare  un azione di   controllo in merito all' attività dell’Amministrazione comunale   attraverso i suoi atti.
Controllo dovuto richiesto anche dai comitati  di singoli cittadini e da gruppi, tra gli altri Cernusco Bene comune e No Equo sacco Si equa Tari,  sorti spontaneamente per controllare che la gestione dei rifiuti sia correttamente svolta e che la relativa tassa corrisponda realmente ai rifiuti prodotti dalla propria città.
Attività di cittadinanza attiva che va sostenuta e promossa proprio in questi anni di disaffezione dalla politica.  
Le segnalo che la nuova gestione dei rifiuti  con Cem tramite Ecuosacco ha visto partire un nuovo processo senza i dovuti atti amministrativi riguardante il Regolamento di igiene Urbana e la   tassa dei rifiuti approdati in consiglio comunale solo dopo la partenza di Ecuosacco.
Da questo  arriva la mia richiesta, sollecitata dai cittadini, per avere tutti gli atti necessari per verificare il corretto svolgimento del servizio.

Solo per sintetizzare ecco le richieste da me effettuate.
In data 15 dicembre inoltravo la richiesta al dirigente Acquati per avere gli atti riguardante, tra gli altri, tutte le pesate effettuate dei rifiuti prodotti da Cernusco dal 1 gennaio 2016    e i controlli effettuali dagli uffici riguardante il corretto svolgimento del servizio.
Solo il 10 febbraio, ben 57 giorni dopo la mia richiesta, contro i 5 giorni da Regolamento, l’Architetto Acquati mi rispose in maniera elusiva indicandomi  genericamente  una trentina di controlli effettuati e invitandomi a controllare le pesate su cartaceo senza girami i file da cui il cartaceo viene stampato cosi da permetterci il controllo dei dati.  
Chiesi quindi in data  19 febbraio 2017 i dati relativi ai controlli con relativa documentazione e  i dati delle pesate su file.
Questa volta  al 5 giorno il dirigente Acquati mi ha risposto negandomi la documentazione relativa ai controlli e i dati su file adducendo futili motivi legati alla privacy della  documentazione dei controlli, di cui io sono obbligato alla riservatezza nel mio ruolo di consigliere comunale se mai se ne fossero ravvisati tali, e dichiarando che non esiste copia digitale delle stampe dei dati. Si comprende l’assurdità di questa affermazione. Si hanno le copie cartacee delle pesate ma non le relative copie digitali da cui la stampa viene effettuata.  
Le chiedo per cortesia  di verificare se il dirigente all’Urbanistica arch. Acquati abbia ottemperato agli obblighi di rendere accessibili ai consiglieri comunali gli atti necessari per l’ attività di controllo come da Regolamento Comunale .
Le chiedo contemporaneamente di  farci avere i documenti richiesti per effettuare i controlli e le verifiche a tutela degli interessi dei cittadini.

A disposizione per ogni chiarimento resto in attesa del vostro riscontro. 
Cordialmente
Claudio Gargantini
Consigliere comunale Cernusco Civica.

Allegati
Richiesta di Accesso agli atti inviata al dirigente Acquati in data 15 dicembre 2016 e 19 febbraio 2017
Risposta del Dirigente Acquati in data 10 febbraio e del 24 febbraio 2017


Claudio Gargantini

Consigliere comunale Cernusco Civica

lunedì 29 maggio 2017

Auspicabile il cambio del dirigente all’ Urbanistica nella prossima Amministrazione di Cernusco sul naviglio

In un incontro elettorale tra il candidato Sindaco Ermanno Zacchetti con imprenditori e professionisti tenutosi Giovedì 25 maggio  al  Four You si sono elevati applausi alla richiesta di rimuovere   il Dirigente del settore Urbanistica , Pianificazione e Sviluppo del Territorio Architetto Marco Acquati.

Negazione di atti ai consiglieri, un ufficio che ha perso risorse umane importanti sotto la sua gestione;  tempi lunghissimi per le risposte ai cittadini e ai professionisti;  riscontro pessimo da parte di tutti coloro, cittadini e professionisti, che hanno avuto rapporti con il Dirigente ; aperture di cause civili e penali  verso i professionisti o di contro verso l’ufficio comunale; ritardi nella gestione di bandi pubblici importanti;  sono solo alcuni dei motivi che sostengono la causa dello spostamento del Dirigente.

La stessa Amministrazione Comincini pur di sbloccare i lavori pubblici sempre sotto scacco del Dirigente Acquati  ha dovuto nel marzo 2015  fare una ristrutturazione organizzativa della macchina amministrativa   separando l’Area Tecnica  in due settori;  da una parte l’edilizia privata rimasta sotto Acquati e dall’altra i lavori pubblici  affidati a  un nuovo Dirigente.

L’Architetto Acquati  era stato portato a Cernusco sul naviglio dall’Assessore all’Urbanistica e vice Sindaco Giordano Marchetti che lo aveva prelevato da Pioltello nel 2007    facendo felice tutta l’amministrazione del comune limitrofo.

Ecco perché il Sindaco Comincini   non ha potuto rimuovere  il  Dirigente  Acquati onde evitare  una crisi  di giunta con l’alleato di governo   Vivere Cernusco.

Per quanto   riguarda l’attività di controllo che compete al consigliere comunale  ho chiesto per l’ennesima volta  al Prefetto e al Segretario Comunale di farmi avere la documentazione che il dirigente Acquati mi nega adducendo futili motivi di sovraccarico di lavoro e di privacy per quanto riguarda la verifica dei controlli che lui deve fare a Cem.

E’ mio interesse avere anche la documentazione delle piste che portano agli obiettivi del Dirigente che aumentano il suo stipendio di circa 7.000 annui sul totale di circa 80.000/100.000 complessivi  come anche le cause intentate dall’ufficio verso terzi o ricevute in questi anni.

Separo come sempre la persona   dal  ruolo professionale ed è per questo che il mio obiettivo politico,  come futuro consigliere comunale,  sarà quello di rendere l’ufficio Urbanistica un ufficio al servizio della città e dei suoi cittadini a partire dalla rimozione del Dirigente Acquati.   


Claudio Gargantini  consigliere comunale Cernusco Civica

venerdì 26 maggio 2017

Il Parco degli Aironi incontra i candidati a Sindaco di Cernusco sul naviglio

Comunicato stampa - Il Parco degli Aironi  incontra i candidati
Il futuro del Parco degli Aironi fa parte del programma di parecchie coalizioni fino a toccare  il no all’ampliamento del Carosello.
Ad oggi purtroppo il Parco degli Aironi è sempre più in stato di abbandono, come testimonia la raccolta fotografica pubblicata sul gruppo"salviamo il parco degli aironi" 
Invitiamo, in vista delle elezioni amministrative che si terranno a Cernusco sul naviglio domenica 11 giugno,  tutti i Candidati Sindaci e candidati consiglieri, insieme ai cittadini, alle associazioni e ai comitati a fare una visita al Parco  e a raccontarci sul posto e  in diretta streaming il proprio punto di vista sul futuro del Parco.
Mercoledì 31 maggio, dalle 18.30 presso il Parco Aironi 
Vi aspettiamo numerosi mercoledì

Gruppo Salviamo il parco degli aironi.  

domenica 21 maggio 2017

Olivia Mabellini sull'emergenza profughi

Ecco le risposte della nostra candidata Sindaco Olivia Mabellini  alle domande della Gazzetta della Martesana sulla questione accoglienza di profughi. 

Posizione quella espressa dalla dott.ssa Mabellini che condivido pienamente cosciente  delle difficoltà ma altrettanto consapevole  che questa sfida racchiude in sé un' opportunità di crescita umana e sociale. 


Cernusco è da sempre una città con una profonda cultura della solidarietà . L’accordo tra comuni e prefettura ci chiama ad affrontare una nuova  sfida.  Comprendiamo la gravità della situazione e  non vogliamo nasconderci.

Per prima cosa occorre verificare i termini dell’accordo affinché ci siano tutte le condizioni perché l’accoglienza non si trasformi in un ghetto o in una discriminazione.
Poi occorre verificare sul territorio quali siano le  strutture adeguate per l’ospitalità.
Determinante poi sarà vigilare affinché  l’ accoglienza non dia spazio a situazioni di degrado e illegalità.
In questo senso sapremo essere determinati e agire, insieme alle forze dell’ordine,  per bloccare ogni deriva e verificare che tutto si svolga dentro una cultura della legalità.
Bisogna  verificare bene anche quali saranno le risorse economiche che lo stato mette in campo  e comprendere con i cittadini e con la Consulta del Sociale quale è il sentore  della gente affinché l’accoglienza sia un occasione di crescita per la nostra comunità. Occorre istituire immediatamente un tavolo   con tutte le realtà associative , la Caritas,  le parrocchie e gli uffici competenti  per impostare quei percorsi che possano trasformare l’accoglienza in un occasione di crescita   per la nostra comunità
Nel nostro programma si parla spesso di riscatto sociale per coloro che sono in situazioni di difficoltà, poveri, padri separati senza casa e a volte senza lavoro, disabili non autosufficienti e anziani soli. Cernusco sul naviglio da sempre ha saputo sostenere i più bisognosi. I profughi sono i nuovi bisognosi della società globalizzata.
Siamo certi  che queste nuove emergenze non distoglieranno la nostra attenzione dalle situazioni di difficoltà dei nostri concittadini. Anzi ci daranno maggior vigore per dare soluzione ai problemi locali e mettere in campo ogni azione affinché nessuno si approfitti per avere ciò che non gli spetta.
Un Sindaco è chiamato sempre a dare  risposte territoriali  anche  alle emergenze nazionali. Occorre guardarle in faccia e saperle affrontare. Voltare le spalle non sarebbe un segno di responsabilità
Per questo motivo   possiamo serenamente dire che Cernusco farà  la sua parte.

Olivia Mabellini , candidata Sindaco. 

Lasciami un tuo segno. Grazie

Grazie per i commenti lasciati. Vi chiedo una cortesia, lasciate la vostra firma, un riferimento, almeno il nome, magari la mail. La vita non è solo questione di merito e di metodo, ma anche e soprattutto una questione personale. Le cose che si dicono, come si dicono, acquistano sapore se riferite a un volto, a un nome.Ciao Claudio.



mail claudiogargantini@alice.it

cell. 335.6920669

fax 06.418.69.267