venerdì 17 settembre 2010

L'occupazione della società da parte dei partiti.

Le ultime notizie sui concorsi alla Provincia di Brescia che su 240 candidate ne ha promosse 8 di cui 5 legate a rappresentanti della Lega, e l'articolo del Manifesto che racconta di una Lega da Prima Repubblica, riportano in prima pagina una questione sempre attuale.

Quella dell'occupazione da parte dei partiti della società, o anche dell’ interpretazione delle regole da parte loro, per creare corsie privilegiate per gli amici, ledendo cosi l’uguaglianza tra tutti i cittadini ad avere pari opportunità.
Chiediamoci se anche nel nostro piccolo, nella nostra città, possano esistere luoghi di possibili occupazioni o di possibili conflitti d’ interesse.

Se nel paese Italia, i partiti gestiscono le nomine del consiglio di amministrazione della RAI come le nomine dei presidenti di enti e asl come fosse cosa propria, anche nel nostro piccolo, dalle nomine nelle aziende partecipate alla gestione delle consulenze, ci potrebbero essere occasioni di conflitti e di occupazione.


Occorre partire dalla definizione di confini certi tra pubblico e privato, dalla dis-ooccupazione della società da parte dei partiti, dalla definizione di regole certe uguali per tutti e non interpretabili per gli amici, dalla messa in atto di comportamenti corretti e trasparenti, per creare una società giusta e moderna.

Proviamoci tutti insieme.
Come?

Cittadini, amministratori e consiglieri tutti, diano l'esempio rispettando le regole, chiedendone il rispetto, senza cercare o dare "aiutini" o tentare scorciatoie.

Tutto questo contribuisce a creare un senso civico e un benessere nella vita in comune che può diventare contaggioso.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Credo che ci sia una seria possibilità per fare quello che tu dici: FARE A MENO DEI PARTITI!
Alle prossime elezioni, andiamo tutti a votare ma votiamo scheda bianca!

jasminelamorgia ha detto...

Ecco perché è importante tenere distinti i ruoli di partito dalle cariche istituzionali. Zapatero fra i suoi primi provvedimenti aveva introdotto il Codice di governo del buon governo ove è sancita la preminenza delle cariche istituzionali su quelle di partito. Sarebbe bello che fra gli atti della nostra giunta ci fosse un impegno dello stesso tipo.

Lasciami un tuo segno. Grazie

Grazie per i commenti lasciati. Vi chiedo una cortesia, lasciate la vostra firma, un riferimento, almeno il nome, magari la mail. La vita non è solo questione di merito e di metodo, ma anche e soprattutto una questione personale. Le cose che si dicono, come si dicono, acquistano sapore se riferite a un volto, a un nome.Ciao Claudio.



mail claudiogargantini@alice.it

cell. 335.6920669

fax 06.418.69.267