venerdì 28 gennaio 2011

In questo tempo di crisi il Sindaco e gli Assessori si sono aumentati lo stipendio. Complimenti!!

Il 29 dicembre il Sindaco e gli Assessori, nella giunta comunale, si sono aumentati gli stipendi. Già nel consiglio comunale del 21 dicembre avevo rilevato che l’aumento del gettone di presenza dei consiglieri passato con voto favorevole di Vivere Cernusco, di Rifondazione Comunista, del Pdl e delle liste Cassamagnaghi e Il Naviglio, aumento a cui si era opposto solo il sottoscritto insieme ai consiglieri Rocchi e Cogliati della Lega ( il pd si era astenuto ) serviva come rampa di lancio per l’aumento dello stipendio del Sindaco e degli Assessori.

L’aumento del gettone poteva essere rifiutato e cosi non è stato.

Il mio e quello dei consiglieri della Lega Cogliati e Rocchi sarà devoluto ai progetti delle scuole, per coprire parte dei tagli fatti da quest’ Amministrazione.

Spero che cosi facciano anche gli altri.

Motivo della nostra opposizione era ed è che in tempi di crisi economica per le famiglie, tra cassaintegrati e contratti di solidarietà, senza dimenticare il precariato diffuso, non riteniamo corretto che la politica aumenti i propri emolumenti.

Detto questo rilevo con imbarazzo lo stile comunicativo di questa Amministrazione.

Dopo l’aumento nessun comunicato stampa, quasi che lo strumento della comunicazione comunale debba esser utilizzata solo per dare le notizie che aumentino il consenso.

Come sempre l'Amministrazione è solerte a incensarsi quando fa cose buone, molto meno quando ci sono da comunicare notizie che definisco scomode.

Riteniamo che la comunicazione comunale, pagata con i soldi di tutti i cittadini, non debba essere utilizzata come “propaganda elettorale” bensì come comunicazione che tocchi tutta l’attività amministrativa, comunicando anche le notizie meno favorevoli.

Per la propaganda elettorale ci sono i partiti che sostengono la maggioranza, i siti e i blog personali di Sindaco e Assessori.

Mi aspetto che il neo Assessore ai new media Zacchetti possa portare quella ventata di freschezza che serve anche a Cernusco nel vecchio modo di fare e comunicare la politica amministrativa.

Claudio Gargantini

Consigliere Comunale Indipendente di Opposizione

11 commenti:

Eugenio ha detto...

La demagogia è sempre più il tuo forte @Claudio... complimenti! Non c'è stato nessun "aumento", c'è stato un adeguamento al passaggio di classe demografica. Siamo diventati dal 2008 una città di 30.000 abitanti e la legge prevede valori diversi per i gettoni di presenza dei Consiglieri comunali e delle indennità di Sindaco e Assessori. Non ci siamo – né noi né i Consiglieri – fissati “la paga” a piacimento: è la legge che definisce quanto ci spetta. Come ricorderai (anche se non condividevi, ma la legge è la legge) l'adeguamento dei Consiglieri comunali era dovuto, anzi, è avvenuto con un anno di ritardo. Il nostro pure, sia perché non siamo dei “magna pane a tradimento”, ma ci facciamo un mazzo anche noi dalla mattina alla sera – e a quelli a cui piace questa cantilena dico pure che anche noi abbiamo famiglia, mutuo e quant'altro…;-) – e poi perché, permettimelo, l'adeguamento dei gettoni dei Consiglieri e del Presidente del Consiglio comunale hanno portato alla paradossale situazione che gli Assessori – che certamente hanno un carico di lavoro ben più gravoso di quello del Presidente del Consiglio comunale – avrebbero percepito un'indennità inferiore... Appena ho tempo scriverò sul mio blog ogni dettaglio della vicenda, ivi compreso a quanto abiamo rinunciato in questi anni per far risparmiare l’Amministrazione (pur spettandoci), il risparmio sulle spese che ci competono, la rinuncia ad un aumento del 10% dell’indennità che pure ci sarebbe spettata (il sindaco leghista di Brugherio invece l’ha presa…) e per dichiarare il mio schifo per queste demagociche considerazioni. Io non mi vergogno: chi riveste cariche pubbliche, se svolge il proprio compito in maniera corretta, ha diritto ad avere il giusto compenso. Al di là di quelle che possono essere le valutazioni dei cittadini sulle scelte operate dagli amministratori. Fino a prova contraria fino ad ora non credo che siamo stati degli indegni.
Eugenio Comincini

Silvano ha detto...

Caro Claudio, potresti farti promotore di una mozione in Consiglio comunale che chieda a sindaco, assessori e consiglieri di:
- devolvere l'intero stipendio in beneficenza
- devolvere tutti le loro altre entrate in un fondo per gli operai in ...cassa integrazione
- affidare le loro famiglie a comunità di accoglienza (pagando la retta di tasca loro, intendiamoci)
- vendere case ed estinguere mutui
- verificare se esista nel territorio comunale una grotta di proprietà pubblica in cui trasferirsi tutti insieme, possibilmente con un piccolo campo vicino da coltivare nel tempo libero
- adottare un saio e dei sandali per abbigliarsi
- emettere un'ordinanza in cui si chiede ai cittadini, a turno, di portare cibi (frugali, mi raccomando) all'ingresso della grotta
- al posto del gettone di presenza, un gettone di competenza: a ogni cazzata che si spara, si paga. Temo però che quest'ultimo punto ti porterebbe in fretta sul lastrico :-)

claudio ha detto...

CAro Eugenio hai detto bene. l'adeguamento era dovuto non obbligatorio.
Diventa tale con il voto in consiglio comunale. Tant'è che non è stato automatico nel 2008 al passaggio dei 30.000 abitanti.
Non lo era nel 2008 non lo sarebbe stato oggi se non lo avreste portato in consiglio.
Infatti si dice che è APPLICABILE non che è automatico.
Quindi aumenta pure ciò che vuoi ma non farlo passare per un obbligo per favore.
Sei un uomo libero, riconosco la tua libera scelta.
Obbligarti a prendere un aumento non ti farebbe onore.

claudio ha detto...

un esempio di rinuncia all'aumento previsto a Beinasco
http://www.pagina.to.it/index.php?method=section&action=zoom&id=755

Anonimo ha detto...

Ma si può sapere di quanti euro stiamo parlando?

claudio ha detto...

anonimo basta che clicchi su nella giunta comunale, si sono aumentati gli stipendi

claudio ha detto...

L'esempio di Beinasco dice che he nessuna scelta di ripristino o aumento è obbligatoria. Un conto è "DOVERE" un conto è "POTERE" come si legge nella finanziaria 2008 che ha modificato le norme del testo sugli enti locali del 2000 in tema di disciplina dello status dei consiglieri e degli ammiinstratori.

Eugenio ha detto...

Guarda @Claudio che il link che citi non calza; tale scelta l'abbiamo fatta anche noi, e senza fare una delibera. Il link a cui ti riferisci parla della scelta di rinunciare al taglio del 10% dell'indennità, taglio introdotto dalla Finanziaria del 2007 e che, nelle intenzioni del Governo Prodi, avrebbe dovuto durare anche in seguito. Invece la Corte dei Conti ha poi ritenuto che il taglio fosse da applicare solo al 2007, ma che se si voleva ripristinare il 10% di riduzione serviva una specifica delibera. Ecco, noi non siamo neppure arrivati a proporla la delibera. Il taglio ce lo siamo tenuti, senza peraltro sbandierare la cosa.
Ulteriore precisazione: la finanziaria del 2007 che ha tagliato le indennità del 10% - e l'interpretazione della Corte dei Conti - è la norma accessoria (come il Decreto 78 dello scorso anno che taglierà le indennità del 7%). Il Decreto Ministeriale 119 del 2000 che regola il discorso delle indennità è la norma generale, così pure altra cosa ancora è il Decreto Legislativo 267 del 2000 (che tu citi chiamandolo "testo degli enti locali del 2000"). Come tu stesso hai detto: non facciamo il gioco delle tre carte e chiamiamo le cose con il loro nome. Il link da te citato, lo ribadisco, non parlla di una decisione di non adeguare le indennità al passaggi di classe demografica, ma di mantenere la riduzione delle indennità del 10% che, con apposita votazione, sarebbe stato possibile togliere: noi abbiamo fatto uguale, ma senza votare.
Quando i tecnici ci dicono come stanno le cose - piaccia o non piaccia - io mi fido: i nostri tecnici comunali sono sicuramente grandi professionisti.
Eugenio Comincini

Eugenio ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Eugenio ha detto...

A proposito di gettoni di presenza e indennità dii carica: in questo post sul mio blog precisazioni e cifre. Quanto guadagnano Sindaco, Assessori e Consiglieri e quanto valgono gli adeguamenti? Ecco i dati: http://www.eugeniocomincini.it/2011/a-proposito-di-gettoni-di-presenza-e-indennita-di-carica/
Eugenio Comincini

Anonimo ha detto...

Sono sempre tutti dei grandi professionisti, i nostri tecnici comunali.
Come quelli che misurano lo spessore delle lastre di pavimentazione del centro storico?

Lasciami un tuo segno. Grazie

Grazie per i commenti lasciati. Vi chiedo una cortesia, lasciate la vostra firma, un riferimento, almeno il nome, magari la mail. La vita non è solo questione di merito e di metodo, ma anche e soprattutto una questione personale. Le cose che si dicono, come si dicono, acquistano sapore se riferite a un volto, a un nome.Ciao Claudio.



mail claudiogargantini@alice.it

cell. 335.6920669

fax 06.418.69.267